Rubrica4

Tra i troppi palazzi della politica, richiamo per qualsiasi sciopero, manifestazione e anniversario d’Italia, quando si dirà basta all’eccessivo, “superfluo”(?) inquinamento in una Capitale “ingolfata” da queste sue stesse “tradizioni”, “politiche attive” di un passato non più allineato alle dinamiche migliorative del futuro?

Continua a leggere "Tra i troppi palazzi della politica, richiamo per qualsiasi sciopero, manifestazione e anniversario d’Italia, quando si dirà basta all’eccessivo, “superfluo”(?) inquinamento in una Capitale “ingolfata” da queste sue stesse “tradizioni”, “politiche attive” di un passato non più allineato alle dinamiche migliorative del futuro?"
Rubrica4

Dal “minimo reddito mensile garantito a tutti” al “fine vita”, dalla “cannabis” al “canone Rai ancora in bolletta elettrica” (infrazione europea), dai “migranti economici” fino alla “fecondazione assistita” (etc.), quanto la politica, i suoi leader appartengono alla lentezza di un passato jurassico che non riesce a legiferare oltre i suoi singoli, sproporzionati “ovetti mensili” (modernità lasciata solo ai loro stipendi) per un mondo già cambiato da una pandemia ancora “di sottofondo”, una guerra ai confini dell’Europa fino al mutamento del clima, evidenziato dal record di caldo e dalla forte siccità di quest’anno?

Continua a leggere "Dal “minimo reddito mensile garantito a tutti” al “fine vita”, dalla “cannabis” al “canone Rai ancora in bolletta elettrica” (infrazione europea), dai “migranti economici” fino alla “fecondazione assistita” (etc.), quanto la politica, i suoi leader appartengono alla lentezza di un passato jurassico che non riesce a legiferare oltre i suoi singoli, sproporzionati “ovetti mensili” (modernità lasciata solo ai loro stipendi) per un mondo già cambiato da una pandemia ancora “di sottofondo”, una guerra ai confini dell’Europa fino al mutamento del clima, evidenziato dal record di caldo e dalla forte siccità di quest’anno?"
Rubrica4

Senza “un minimo reddito mensile garantito a tutti”, universale, quanti sono condannati a non avere le basi minime di una nuova modernità, a non sapere “a chi sono figli”(?), che “lavoro”(?) fanno i loro genitori e cosa portano nel piatto delle “loro case”(?) – basi familiari di un’era di profondi cambiamenti energetici, alimentari, tecnologici, digitali, etc. – che divideranno sempre di più le conoscenze e il sapere tra generazioni, appiattite dalla troppa “cultura”(?) dell’inclusività, scusa, ma anche condanna al “vincolo burocratico”, ai “lavori sottopagati” (spesso a tempo e “superati”) di antiche “politiche attive” appartenenti ancora alle mentalità di un’era preistorica, precedente?

Continua a leggere "Senza “un minimo reddito mensile garantito a tutti”, universale, quanti sono condannati a non avere le basi minime di una nuova modernità, a non sapere “a chi sono figli”(?), che “lavoro”(?) fanno i loro genitori e cosa portano nel piatto delle “loro case”(?) – basi familiari di un’era di profondi cambiamenti energetici, alimentari, tecnologici, digitali, etc. – che divideranno sempre di più le conoscenze e il sapere tra generazioni, appiattite dalla troppa “cultura”(?) dell’inclusività, scusa, ma anche condanna al “vincolo burocratico”, ai “lavori sottopagati” (spesso a tempo e “superati”) di antiche “politiche attive” appartenenti ancora alle mentalità di un’era preistorica, precedente?"
Rubrica4

Nelle democrazie occidentali moderne ci sono così tante opinioni, compensate democraticamente dagli stessi opposti, che quelle poche libere, sanno veramente dare un indirizzo alla vita di tutti? Arrivati quasi al 10° pacchetto di sanzioni alla Russia, tra aumenti “democratici” dei prezzi, scioperi alle nuove regole “democratiche” (ex politiche attive?), pandemia e varianti “democraticamente” importate e diffuse, siccità per sfruttamento “democratico” dei territori e del Pianeta, quanti si potranno permettere di passare il prossimo inverno al caldo con le sole “opinioni democratiche imposte”?

Continua a leggere "Nelle democrazie occidentali moderne ci sono così tante opinioni, compensate democraticamente dagli stessi opposti, che quelle poche libere, sanno veramente dare un indirizzo alla vita di tutti? Arrivati quasi al 10° pacchetto di sanzioni alla Russia, tra aumenti “democratici” dei prezzi, scioperi alle nuove regole “democratiche” (ex politiche attive?), pandemia e varianti “democraticamente” importate e diffuse, siccità per sfruttamento “democratico” dei territori e del Pianeta, quanti si potranno permettere di passare il prossimo inverno al caldo con le sole “opinioni democratiche imposte”?"